BACK

       
 

Ernesto Basile  (Palermo, 1857-1932).
 

Architetto italiano.                     .

Figlio dell'architetto Giovanni Battista Basìle, autore del Teatro Massimo di Palermo

(1875), fu uomo di vasta cultura, conoscitore profondo dell'architettura medievale e della sto­ria artistica e urbanistica siciliana. Pure operando lontano dai centri più vivi dell'Art Nouveau, riuscì a creare alcune opere interessanti, particolarmente a partire dal 1900, anche se non evitò sempre un certo eclettismo.

Dal 1877 insegnò alla Scuola di Applicazione di Palermo e dal 1880 in quella di Roma, dove rimase fino al 1890. Vinceva intanto, nel 1893, il concorso per il Palazzo del Parlamento e per il Palazzo di Giustizia. Fu anche autore di numerosi' villini' a Palermo e a Roma; la sua opera più nota è l' Hotel Villa Igea a Palermo (1898) e il progetto per l'Esposizione nazionale di Palermo del '92. Progettò anche le costruzioni di accesso all'Avenida de Libertao a Rio de Janeiro, e dal Governo italiano fu incaricato della realizzazione del Monumento per i caduti di Calatafimi. Autore anche delle Ville Florio, Basile, Fassini, del Palazzo Municipale di Licata, del teatro e della Villa Lombardi a Canicatti. Eclettico e abbastanza pesantemente storicistico nelle opere anteriori al '900, particolarmente in quelle romane, dette la miglior prova di sé nelle opere di

tipo' floreale' dai primi del secolo, nelle quali si espresse con fantasia e finezza, e con molta' libertà di invenzione.

Secondo i modi operativi art nouveau, egli non si limitò all'architettura, ma realizzò opere di arredo e mobili tra i migliori dell'epoca in Italia.

Ho immaginato la mia casa pensando dapprima all'ordinamento interno per le comodità dell' uso, poi alla costruzione, infine all'ornato, che deve essere logica conseguenza dell'ordinamento e della struttura, non affermato Preventivamente con preconcetti di stile o di speciali partiti estetici.

Il villino moderno ammette la casa distribuita in vari piani: un piano in parte sotterraneo per i servizi; il piano terreno sopraelevato per le sale di studio, da ricevere, da pranzo. ecc. 1/ primo piano per le camere da letto e i loro annessi; ammezzati per la servitù. E cosi è disposta la mia casa.